print preview

COVID-19 e lo Sport

Qui trovate informazioni attuali sugli aiuti finanziari della Confederazione e sulle condizioni quadro previste per le attività sportive e le manifestazioni sportive.

 

In occasione della sua seduta dell'8 settembre 2021 il Consiglio federale ha deciso di estendere l'obbligo del certificato a partire da lunedì 13 settembre 2021. Tale decisone riguarda anche lo sport. Trovate maggiori informazioni al riguardo nel seguente comunicato stampa e nelle FAQ.


Q & A

Update: 17.09.2021, 09.00h

Q & A sugli allentamenti nel campo dello sport

Cosa vale per lo sport?
Per le persone che svolgono attività sportive o culturali all'esterno non ci sono restrizioni. Per quanto riguarda gli spazi al chiuso, nelle prossime domande trovate le nuove disposizioni relative all'introduzione dell'obbligo del certificato.

In linea di principio cosa vale per lo sport negli spazi al chiuso con l'introduzione dell'obbligo del certificato?
In linea di massima, per le attività sportive al chiuso vale l'obbligo del certificato a partire dai 16 anni. Il certificato lo ricevono le persone completamente vaccinate, guarite e testate. Maggiori informazioni al seguente link: certificato COVID

Chi assume i costi dei test necessari all’ottenimento del certificato?
Dal 1° ottobre 2021 le persone che si sottopongono al test per ottenere un certificato dovranno pagare il test di tasca propria. La possibilità della vaccinazione gratuita viene mantenuta. Maggiori informazioni qui.

In quali strutture vige l'obbligo del certificato?
In strutture sportive, ricreative e per il tempo libero pubblicamente accessibili come piscine coperte, parchi acquatici, centri fitness ecc. che non comprendono unicamente spazi all’aperto per i visitatori.

L'obbligo del certificato si applica anche alle spa e alle sale fitness negli alberghi?
Sì.

Nello sport ci sono eccezioni per quanto riguarda l'obbligo del certificato?
Sì. Sono escluse dall'obbligo del certificato le attività che si svolgono in locali separati in una società o in un altro gruppo a composizione fissa, i cui partecipanti non possono mescolarsi con altri gruppi o utilizzatori dell'impianto e il loro numero non supera le 30 persone. L'organizzatore deve conoscere i partecipanti. Si applica solo per gruppi che si allenano o esercitano regolarmente insieme (ad es. settimanalmente). Un gruppo rimane a composizione fissa anche se singoli partecipanti non partecipano a tutti gli allenamenti a causa di malattia o vacanze. È anche possibile integrare nuove persone nel gruppo (ad es. per degli allenamenti di prova o introduttivi). Inoltre in questi locali deve esserci un'areazione efficace e nel caso di eventi la struttura può essere occupata al massimo per due terzi della capienza.

L'obbligo del certificato si applica anche per studi di Yoga e Pilates indipendenti?
No, in queste strutture non vige l'obbligo del certificato. Tuttavia i corsi devono svolgersi in gruppi fissi in locali separati. Il numero massimo di persone per gruppo è di 30 (incl. istruttore). Un gruppo rimane a composizione fissa anche se singoli partecipanti non partecipano a tutti gli allenamenti a causa di malattia o vacanze. È anche possibile integrare nuove persone nel gruppo (ad es. per degli allenamenti di prova o introduttivi). Inoltre continua a valere il piano di protezione e i locali devono disporre di un sistema di aerazione efficace. Per gli istruttori vale l'obbligo della mascherina se le distanze non possono essere rispettate.

Per i personal trainer vale l'obbligo del certificato?
No, ma devono indossare la mascherina se non è possibile mantenere le distanze. Occorre elaborare un piano di protezione. Inoltre è necessario disporre di un sistema di areazione efficace nel locale.

Come ci si comporta nei due casi sopracitati se l'istruttore è provvisto di certificato?
Se si tratta di un evento con certificato, ovvero tutti i presenti ne hanno uno valido, non c'è bisogno di indossare la mascherina; in caso contrario sì.

Quali regole si applicano per gli/le istruttori/trici nelle lezioni di nuoto?
Nel quadro degli allenamenti delle società (o di scuole di nuoto) la lezione di nuoto può svolgersi senza un certificato nella misura in cui la società staziona nella piscina al coperto da sola (senza mescolarsi ad altri nuotatori privati). Negli altri casi, l’allenatore/l’allenatrice o il monitore/la monitrice di nuoto deve esibire un certificato nella piscina coperta, a meno che non sia un/una dipendente del gestore della piscina coperta.

Le pareti mobili che separano gli spazi delle palestre triple valgono come locali separati?
In linea di principio sì; si possono quindi accogliere tre gruppi di al massimo 30 persone che tuttavia non possono mescolarsi. Nel quadro di un piano di protezione occorre disciplinare le installazioni restanti (ad es. fare la doccia a casa, obbligo della mascherina nei servizi igienici o negli spogliatoi, nessun contatto tra i gruppi ecc.).

Anche i collaboratori di una struttura con obbligo di certificato devono esserne provvisti?
No. Un datore di lavoro può però esigere dai lavoratori, nel quadro del proprio obbligo di tutela, che siano provvisti di un certificato. I datori di lavoro sono autorizzati a verificare se i loro lavoratori possiedono un certificato, se quest’ultimo serve a stabilire misure di protezione opportune o ad attuare il piano di test. Il datore di lavoro deve documentare per iscritto se intende adottare misure di protezione o misure finalizzate all’attuazione di un piano di test sulla base del certificato COVID. I lavoratori devono essere sentiti in merito. Il risultato della verifica del certificato non può essere utilizzato dal datore di lavoro per altri scopi. Inoltre, non deve indurre ad alcuna discriminazione tra i lavoratori vaccinati e guariti e quelli non vaccinati.

Cosa vale per le grandi manifestazioni sportive allesterno con più di 1000 visitatori?
Per eventi con oltre 1000 spettatori vige l'obbligo del certificato.

Quando si può rinunciare al certificato per manifestazioni sportive all'aperto e quali altre disposizioni valgono?
Quando il numero dei visitatori (incl. i partecipanti) non supera le 1000 unità. Solo quando vige l'obbligo di rimanere seduti è possibile ammettere il numero massimo di 1000 visitatori. Se sono disponibili anche posti in piedi o se ci si può muovere liberamente, possono essere accolti solo 500 visitatori; in questo caso i partecipanti non vengono conteggiati. La capacità della struttura può essere sfruttata solo per due terzi. Ballare non è permesso in nessuna manifestazione.

È possibile svolgere competizioni tra due squadre al chiuso senza certificato?
L'obbligo del certificato si applica in particolare anche alle competizioni tra squadra nello sport amatoriale, poiché in questo caso si mescolano due squadre diverse (gruppi) e quindi il criterio della composizione fissa del gruppo non è più soddisfatto.

Cosa si intende per aiutanti nel quadro di una manifestazione?
Per aiutanti sono intese le persone che lavorano volontariamente e che sono indispensabili affinché l’organizzatore possa svolgere la manifestazione.

Gli aiutanti necessitano di un certificato? O è possibile una forma mista (alcuni ne sono provvisti e altri no)? Oppure è l'organizzatore a decidere che tutti gli aiutanti devono avere un certificato?
Nelle strutture e negli esercizi accessibili al pubblico oppure nelle manifestazioni in cui l’accesso è limitato a persone con un certificato, tutte le persone che lavorano sul posto e che non intrattengono un rapporto di lavoro con il gestore/organizzatore devono esibire un certificato. Sono interessati in particolare gli aiutanti e altre persone che collaborano. Ciò significa che i volontari sono soggetti all'obbligo di certificato. Solo se esiste un contratto di lavoro si applicano le disposizioni in materia di diritto del lavoro (art. 25 ordinanza COVID-19), rispettivamente i dover del datore di lavoro.

La dimensione del gruppo è soggetta a restrizioni?
Cfr. domanda precedente sulle eccezioni relative all'obbligo del certificato.

Esistono ulteriori disposizioni per gli spazi al chiuso?
Sì, nel caso di manifestazioni con un massimo di 30 partecipanti: nei locali in cui non si pratica l'attività sportiva (spogliatoi, area d'ingresso ecc.) continua a valere l'obbligo della mascherina.

Cosa vale per le manifestazioni con certificato?
Per le manifestazioni a cui l'accesso è limitato a persone provviste di certificato COVID-19 non ci sono più limitazioni, nemmeno per le grandi manifestazioni. In un piano di protezione occorre definire, tra l'altro, come limitare l'accesso a persone con il certificato. Le manifestazioni con più di 1000 persone necessitano di un'autorizzazione cantonale (ad es. nelle due leghe maggiori dell'hockey su ghiaccio o del calcio)

Cosa vale per le grandi manifestazioni?
Le grandi manifestazioni sono eventi che possono accogliere oltre i 1000 persone (partecipanti e spettatori). Possono svolgersi solo con un'autorizzazione cantonale e sono accessibili unicamente a persone in possesso di un certificato. Oltre all'obbligo di elaborare un piano di protezione, non vi sono altre limitazioni.

I bambini devono presentare un certificato per accedere alle grandi manifestazioni?
No, nel quadro delle regole d'accesso a grandi manifestazioni non è previsto l'obbligo del certificato per bambini e giovani sotto i 16 anni.

Gli organizzatori che offrono la possibilità di farsi testare sul posto devono anche emettere un certificato?
Gli organizzatori che offrono la possibilità di farsi testare devono anche disporre della possibilità di emettere certificati, i quali saranno poi controllati agli ingressi.

Un certificato light sarà sufficiente per grandi manifestazioni?
Sì, un certificato light valido è sufficiente per partecipare a grandi manifestazioni poiché contiene informazioni rilevanti.

Negli stadi sono permesse postazioni take-away durante la partita?
Sì. All'esterno non vi sono limitazioni. Se si tratta di una manifestazione che può accogliere soltanto persone provviste di certificato, la consumazione è permessa ovunque anche all'interno.

Le postazioni take-away sono autorizzate durante le manifestazioni al chiuso senza obbligo di certificato?
No.

Si possono organizzare campi?
È consentito organizzare e svolgere dei campi nel rispetto delle disposizioni vigenti e se si dispone di un piano di protezione.

Chi decide riguardo all'apertura di un impianto sportivo?
Il gestore.

Si possono utilizzare gli spazi interni come, ad esempio, gli spogliatoi?
Sì. Aree di ingresso, servizi igienici e spogliatoi possono rimanere aperti a condizione che esista un relativo piano di protezione. Inoltre permane l'obbligo di indossare la mascherina.

L'UFSPO può rilasciare autorizzazioni?
No, si applica l'ordinanza.

L'UFSPO controlla il rispetto delle regole nello sport?
No. Le autorità cantonali e comunali sono responsabili del controllo del rispetto delle misure in vigore.

Le persone interessate devono essere informate sulla raccolta dei dati di contatto e sul fatto che rinunciando alle misure di distanziamento e di igiene vi è in linea di principio un rischio di contagio?
Sì. Una persona può essere esclusa da una manifestazione se si rifiuta di fornire i propri dati di contatto.

Per quanto riguarda il contact tracing, come si regola la protezione dei dati?
Per questioni relative alla protezione dei dati, raccogliere informazioni relative alle informazioni di contatto è ammesso solo se la persona interessata viene informata in merito e se le misure sono adeguate alle circostanze, ovvero se non è possibile mantenere le distanze e portare la mascherina. In questi casi i dati di contatto devono essere conservati dall’organizzatore per 14 giorni (periodo di incubazione) per poter tracciare tutti quelli che sono stati in contatto con una persona rivelatasi infetta. La responsabilità dell’attuazione del contact tracing è di competenza dei medici cantonali.

Dove è possibile trovare informazioni per quanto riguarda le competizioni internazionali?
Presso Swiss Olympic.
 

Attualità



Ufficio federale dello sport UFSPO Hauptstrasse 247
CH-2532 Macolin

E-Mail


Comunicazione UFSPO

+41 58 467 61 33
E-Mail


Reservazioni

Centro nazionale dello sport Macolin
+41 58 467 61 11
E-Mail
Internet


Ufficio federale della sanità pubblica UFSP

Infoline Coronavirus:
+41 58 463 00 00

UFSP: Nuovo coronavirus